Quisnam est cum Galdone loquens?

Eques errans in cauponam intrauit. Vir ei ignotus appropinquauit et eum rogauit: “Commodasne mihi aliquantulum uini?”
“Minime! Te quidem haud noui!”
“Fieri non potest,” ait uir, “te me non nouisse. Sum Galdo! Omnes Galdonem nouerunt!”
“Vere mihi ignotus es,” ait eques.
“Dicite omnes, quis sum?” clamauit Galdo praesentibus.
“Galdo es!” responderunt omnes in caupona.
“Videsne? Omnibus Galdo notus est!”
“Equidem in caupona quam tu frequentas, notus es! Certe autem haud alibi.”
“Te falsum dixisse demonstrabo,” ait Galdo.
Itaque una in alterum oppidum se rettulerunt. Cum tabernam aduenerint, Galdo
clamauit: “Dicite omnes: quis sum?”
“Galdo es!” responderunt omnes una uoce.
Ait eques: “Non tam longe hoc est ab oppido primo. Vero princeps trans siluam habitat in aedibus. Haud dubio te ignorat.”
Sic, trans siluam uenerunt ad aedes principis. Ianitor principis statim portam aperuit. “Saluus sis, Galdo” ait ianitor, “Princeps modo de te locutus est.”
“Fateor te pernotum esse in provincia,” ait eques, “sed rex illic trans montes sedet. Certe is te non nouit.”
“Eamus!” ait Galdo.
Ergo, trans montes iter fecerunt. Cum apud regem aduenerunt in castellum, Galdonem rex complexus est clamans: “Galdo, amice mi!”
Ait eques: “Trans mare in Vaticana civitate  Papa uiuit. Si ille te nouit etiam, credam uniuersos te nouisse.”
Sic naue uehuntur Galdo equesque et postremo in Vaticanam aduenerunt. Statim, Galdo in aditum admissus est, sed eques foris relictus est. Mox in maeniano Galdo cum Papa iucunde loquens apparet.
“Bombax!” eques clamauit.
“Ego quoque admodum miror,” ait anus quaedam in proximo. “Quisnam est cum Galdone loquens?”
ahahahah! 🙂

One thought on “Quisnam est cum Galdone loquens?

  1. Durante il suo errare, un cavaliere entrò in una locanda. Gli si accostò uno sconosciuto che gli chiese: -Mi offriresti del vino?- -Assolutamente no, non ti conosco neppure!-
    -Non è possibile che tu non mi conosca- disse l’uomo- Sono Galdone: tutti conoscono Galdone!-
    A dire il vero non so chi sei- disse il cavaliere.
    -Dite un po’, chi sono?- chiese Galdone ai presenti.
    -Galdone!- risposero tutti nella locanda.
    -Vedi? Tutti conoscono Galdone-
    -Di sicuro sei conosciuto nella locanda che frequenti, ma non altrove.-
    -Ti sbagli e te lo dimostrerò-
    E insieme si diressero in un altro paese. Giunti in un’osteria, Galdone gridò: -Dite un po’: chi sono?-
    -Sei Galdone!- risposero tutti all’unisono.
    Il cavaliere esclamò:
    -Non siamo poi così lontani dall’altro paese. So però che un notabile abita in un palazzo oltre il bosco, senza dubbio lui non sa chi sei.-
    Oltrepassarono pertanto il bosco fino al palazzo del notabile. Il custode aprì subito loro la porta.
    -Salute a te, Galdone, -disse- il Signore or ora parlava di te.-
    -Riconosco che sei famoso nella provincia,- disse il cavaliere- ma al di là del monte risiede il re. Di sicuro egli non ti conosce.-
    -Andiamo da lui!- propose Galdone.
    Quindi s’incamminarono e oltrepassarono il monte. Non appena arrivarono al castello del re, questi accorse ad abbracciare Galdone, esclamando: -Galdone, amico mio!-
    Il cavaliere disse: -Al di là de mare, in Vaticano, vive il Papa: se anche lui ti riconoscerà, ammetterò che tutti sanno chi sei.-
    E così, viaggiando per nave, Galdone e il cavaliere giunsero infine in Vaticano. Galdone fu fatto entrare subito, mentre il cavaliere fu lasciato fuori. Da lì a poco apparve al balcone Galdone, che conversava allegramente con il Papa.-
    -Perdiana!- esclamò il cavaliere.
    -Anch’io sono meravigliata!- disse una vecchia accanto -Chi mai sarà quello che parla con Galdone?-

    🙂

Comments are closed.